Notebook

Notebook 4: Francesca

Anna insistette tanto che alla fine mi decisi ad andare a prenderla in parrocchia e lì conobbi Francesca. Una ragazza carina, con un sorriso stupendo, dolcissimo. Anna ci presentò, poi si dileguò in fretta con la scusa di andare a salutare altre amiche, quindi io e Francesca rimanemmo soli.

Colsi l’occasione al balzo, per spiegare a Francesca la situazione. “Anna si è messa in testa che io e te dovremmo uscire insieme” dissi non senza un leggero imbarazzo. “Il problema è che abbiamo valori così diversi. Io sono agnostico, non credo nel matrimonio e…” stavo per dire che per me il sesso era fondamentale, ma mi fermai in tempo. “…e perciò penso che non abbia molto senso. Quindi se Anna ti propone un incontro, rifiuta pure senza nessun problema. Non mi offendo di sicuro, e così risolviamo il problema con lei”.  Francesca sorrise, anzi in realtà scoppiò in una graziosa risatina e disse che Anna aveva fatto la stessa proposta anche a lei, dicendo che eravamo perfetti per stare insieme. Poi, sempre sorridendo, aggiunse: “Non preoccuparti, ci penso io”. Quando Anna ritornò, cominciò a magnificare le mie doti di ottimo cuoco (cosa tra l’altro vera) e così chiese a Francesca se una volta volesse venire a provare la mia cucina. Io ero tranquillo, visto il chiarimento precedente, quindi quando Francesca disse che sarebbe venuta volentieri, la cosa devo ammettere che mi lasciò stupefatto. “Organizzo tutto io” disse Anna, che pareva non aspettasse altro. Mentre stavamo per andarcene, Francesca, sempre con quel sorriso che la rendeva così particolare, si avvicinò a me per non farsi sentire da Anna e mi disse sottovoce: “Non preoccuparti è solo una cena, non un fidanzamento”. Anna cominciò subito ad organizzare per il sabato successivo. Non vedeva l’ora. Cominciò a dire che non voleva che ci fosse anche Elisa, ma su questo fui irremovibile. In realtà speravo che Elisa mi avrebbe dato man forte per liberarmi di Francesca. Quando arrivò il sabato della cena, passai tutto il giorno in cucina con Aldo che faceva da vice cuoco, Elisa nel consueto ruolo di rompiballe, e naturalmente Stefano, il ragazzo di Anna, a dare una mano anche lui. Anna e Francesca sarebbero arrivate in prima serata, dopo la parrocchia e altre faccende che dovevano sbrigare. Il menù non fu semplice da organizzare. Essendo vegetariano, mi è difficile cucinare per gli altri quando uso la carne, perché non posso assaggiare. Il cibo cotto al forno mi permette una maggiore libertà di preparazione. Tutti avevano delle paturnie, quindi optai per la pasta al forno, una per i vegetariani, e un’altra col prosciutto, e due tortini, uno con e uno senza prosciutto. Poi due dolci, una panna cotta ed un pan di Spagna, farcito con della crema pasticcera e del cioccolato, e un altro col prosciutto. Scherzo, ovviamente, per quanto l’idea mi avesse tentato. Verso le sei arrivarono anche Anna e Francesca. Non riusciva a credere che facessi tutto da solo, così le raccontai a grandi linee la mia storia, il divorzio dei miei e la mia personale avversione per il matrimonio. Lei, per tutta risposta, mi disse che i suoi nonni avevano appena festeggiato 60 anni di matrimonio, e i suoi genitori erano già a trenta. Francesca era una ragazza simpaticissima, si vedeva che sapeva trattare con i più giovani. Per quanto Elisa cercasse di provocarla, lei sapeva controbatterla. L’unico momento di tensione, fu quando durante la cena si parlò di sesso. Elisa disse sfacciatamente che non capiva quelle persone che aspettano il matrimonio per fare sesso. Anna ribatté provocatoria: “Io non capisco quelle ragazze che fanno sesso con tutti”. Elisa rispose tranquillamente che lei aveva fatto sesso solo con i suoi fidanzati. Al che Anna, ironica, rispose: “Neanche in tre vite potrei avere tutti i fidanzati che hai avuto tu fino ad ora!”. Elisa disse di aver avuto solo tre ragazzi fissi fino a quel momento. In realtà aveva avuto sì tre ragazzi fissi, più varie storie di qualche settimana, in cui però affermava di non essere mai andata oltre qualche bacio. Ma siccome le seccava prestare il fianco alle critiche di Anna, tralasciò i particolari. In compenso disse che il sesso era una cosa bella e piacevolissima. Francesca, che aveva assistito divertita al battibecco tra Anna ed Elisa rimanendo in silenzio, finalmente decise di intervenire e disse che bisognava guardare la faccenda in maniera diversa. “La verginità, di per sé stessa non è un valore, ma quello che conta è quel che hai nel cuore e nella testa. Io ho avuto dei ragazzi, ma con nessuno di questi ho pensato di andare oltre. Oltre, per me, vuol dire pensare a una vita insieme. Mi sono anche innamorata, ma non abbastanza da pensare al matrimonio, a qualcosa che potesse durare per sempre”. Elisa le fece notare che ci sono più divorziati, che coppie sposate. “E’ proprio quello che intendevo dire io” rispose pronta Francesca “Questo succede se ti sposi pensando che tanto poi c’è il divorzio, che alle prime difficoltà te ne vai, o che al primo fico che ti cerca gliela dai. Amore è rispetto, condivisione, progetto”. Il discorso finì lì. Dopo cena, ci mettemmo a cantare accompagnati da Stefano che aveva portato la chitarra. Fu divertentissimo. Francesca ci invitò per il giorno dopo ad andare al mulino, un antico casale in un paesino vicino, dove si riunivano i ragazzi della sua parrocchia, più altre persone, tra cui anche coppie sposate. L’idea era passare una giornata insieme, anche nella preghiera, ma solo se uno voleva. Non era obbligatorio. Aldo ed Elisa dissero che non potevano proprio, ma si impegnarono a venire un’altra volta. Così mi sentii quasi costretto ad accettare l’invito di Francesca. Ma in fondo non mi dispiacque.

Standard

4 risposte a "Notebook 4: Francesca"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...