Notebook

Notebook 23: qualcosa è cambiato

Periodo di cambiamenti questo e di riflessioni. Sarà la vicinanza di Francesca, sarà il corso prematrimoniale o l’ambiente della parrocchia, ma sto cambiando la mia visione della vita. Ho parlato di nuovo con mia madre, e mi ha informato che sta organizzando con il padre di Francesca una gita di due giorni ad Assisi. Trovo vergognoso che per organizzare un tradimento, si usi una meta spirituale. Si uniscono ad un gruppo di dodici persone che fanno un pellegrinaggio organizzato da una parrocchia della zona. Come avevo previsto, la madre di Francesca ha declinato l’invito e guarda caso mio padre mi ha annunciato il suo prossimo arrivo, proprio in concomitanza con la gita ad Assisi.

Sono scandalizzato dai miei genitori, e ancor di più da Serena e Salvatore. Mi sembra incredibile che sia io a dover fare il moralista. Spero solo che Francesca non venga mai a saperne niente, io mi guarderò bene dal far trapelare la cosa. Continuo a ripetermi che non le sto mentendo, ma è solo un’omissione a fin di bene.

È incredibile come siano cambiati i miei punti di vista sulla morale: non riesco più ad accettare tutto questo liberismo sessuale tra gente sposata. Mi è venuto in mente che Antonio ha sempre detto che il matrimonio è un errore, e il tradimento spesso è la sua giusta conclusione. Adesso vuole sposarsi pure lui, e vorrebbe che gli facessi da testimone. Non so se posso appoggiarlo in questa decisione, sicuramente non mi sento di appoggiare mia madre. Lei sostiene che sono diventato un bigotto da quando esco con Francesca, ma col tempo le cose cambieranno anche per noi, e alla fine diventeremo come loro. Dice che pure lei, quando si era sposata, era convinta che sarebbe stato per sempre, sia la prima che la seconda volta, ma la convinzione a quanto pare non basta.

E’ con questo animo che sono andato al secondo incontro prematrimoniale con Don Piero. Non ero proprio di buonumore, poi ho visto una nuova coppia, che la volta precedente non c’era. Lui non lo conoscevo, ma lei sì. Roberta, occhi azzurri come il cielo e capelli neri come il carbone, difficile da dimenticare. Era stata la donna di un mio amico, che su di lei mi aveva raccontato parecchie cose interessanti. Tra le altre, pare che fosse insaziabile. Voleva farlo continuamente, più volte al giorno, e sempre in situazioni trasgressive, spesso in luoghi pubblici, con il rischio di farsi sorprendere. Tra l’altro so con certezza che sul web gira un loro video amatoriale che farebbe venire un colpo a Don Piero se lo vedesse…

Pensavo mi avrebbe evitato, invece Roberta è venuta dritta verso di me, mi ha salutato con un bacio e mi ha presentato il suo nuovo fidanzato. A occhio e croce direi che non è all’altezza del precedente, dal punto di vista sessuale, sembra molto imbranato. Mi chiedo se è a conoscenza del passato di Roberta. Intanto è arrivato anche Angelo, l’idiota dell’altra volta, con la sua fidanzata, Maria Teresa, sempre più splendida. Oggi aveva i capelli raccolti e indossava un enorme paio di occhiali da sole neri, che la facevano somigliare a un’enorme mosca. Dopo un po’ ci siamo messi a parlare tra uomini, mentre le donne facevano amicizia tra loro. Il fidanzato di Roberta, a discapito dell’aspetto, è un tipo tosto. Ha idee chiarissime su tutto, compreso il matrimonio, che per lui è una cazzata, ma pare che Roberta ci tenga tanto. Si è organizzato in modo da tutelarsi, in caso di divorzio: ha affittato una casa per loro due, pur essendo proprietario di un appartamento, così in caso di separazione in ogni caso il suo appartamento non verrà assegnato alla moglie. L’idiota l’ha guardato sbigottito, ha provato a controbattere qualcosa, ma le idee del compagno di Roberta sono al riguardo chiarissime.

“Tra divorzi, separazioni, tradimenti e altro, un uomo ha il diritto di difendersi, visto che la legge non lo fa. Io amo Roberta, ma purtroppo l’amore potrebbe finire da parte di entrambi, quindi bisogna tutelarsi economicamente, in caso l’evento capiti”.

L’idiota, scandalizzato, ha detto che un matrimonio così celebrato non ha nessun valore, perché mancano tutte le premesse, ma il compagno di Roberta sembrava assolutamente indifferente a queste critiche.

“Ho già avuto delle storie serie, una delle quali finita malamente pochi mesi prima del matrimonio, quando ho scoperto che lei mi stava tradendo con il suo ex. Purtroppo capita, è meglio essere realisti”. Il pensiero è andato immediatamente a Paolo, ma per fortuna è arrivato Don Piero ed è cominciato l’incontro, così mi sono distratto. Argomento del giorno erano i figli. A guidare l’incontro c’era una coppia che la volta prima aveva litigato vistosamente per tutta la mattinata. Ho pensato che fosse un altro esperimento di Don Piero: forse pensava che costringendoli a spiegare a noi il valore del matrimonio, avrebbero ritrovato le ragioni del loro. Comunque, nonostante la giovane età, i due litiganti avevano già tre figli. A quanto pare quei due poveretti non hanno più tempo per loro. Lei ha parlato del sesso come dono del Signore per procreare, lui, secondo me, deve avere il terrore di toccarla per paura di un’altra gravidanza. Deve essere talmente spaventato che non gli si drizza nemmeno più.

Finito l’incontro, Angelo mi ha detto che secondo lui la gente dà troppa importanza al sesso. Anch’io se avessi la sua donna darei poca importanza al sesso. Stavo riflettendo su come dovesse essere stare con una ragazza così brutta, quando Francesca e Maria Teresa ci hanno raggiunto, e lei è stata incredibilmente gentile nei miei confronti. Ogni volta riesce a farmi sentire un verme. Devo ammettere che a sentirla parlare ci guadagna un po’, perché ha una voce molto sensuale, al telefono potresti anche pensare che è bellissima. Peccato che di persona sia inguardabile. Stavo giusto pensando che per fortuna li vediamo solo una volta alla settimana, quando Francesca ha pensato bene di invitarli a cena da me, e naturalmente hanno accettato subito con entusiasmo. Io forse a volte parlo a sproposito, ma anche Francesca dovrebbe imparare a tacere ogni tanto.

≈ ≈ ≈ ≈ ≈

Chi volesse leggere le puntate precedenti, può trovarle nel menù in alto, raccolte nella cartella “Notebook”.

Notebook 20: love is in the air

Standard

17 risposte a "Notebook 23: qualcosa è cambiato"

  1. “un’omissione a fin di bene”
    Magari anche Francesca potrebbe tacere una gravidanza, da un altro uomo per il bene del nascituro… 😅

    Comunque qui si fa un passo avanti e due indietro: bene, bene!
    Senza guai che storia ne uscirebbe? Forse insulsa, da racccontare! 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...