Racconti a puntate

La storia di noi due #33

Riassunto delle puntate precedenti

Qui trovi l’episodio precedente

Marco aveva pensato di rimanere vago, anzi, vaghissimo, almeno nel primo messaggio, per vedere come Sara avrebbe risposto. Di sicuro dalla prima risposta avrebbe capito che aria tirava. Certo c’era anche il rischio che Sara non rispondesse, ma anche quello sarebbe stato indicativo.

“Ciao, come stai?”

Più vago e neutrale di così non poteva certo essere.
Sara non rispondeva, così Marco si fece un giro sul blog, si mise a leggere qualche articolo, salutare qualche amico, e ogni tanto controllava se Sara avesse risposto. Aveva fatto anche un salto in camera per vedere come stava Anna, che per fortuna dormiva profondamente. Poi era tornato al pc, dove finalmente era arrivata la risposta di Sara.

“E tu?”

Se lui era stato vago, Sara non lo era stata meno, lo stava sicuramente aspettando al varco; l’unica cosa positiva era che aveva risposto.

“Giornata complicata, oggi. Ma non mi hai risposto: come stai?”

Cercava di capire lo stato d’animo di Sara per poi scegliere la strategia migliore da adottare. Sara di nuovo si fece aspettare, intanto Marco si mise a leggere distrattamente sul blog due o tre articoli, le solite cose, che oggi di certo lo interessavano meno del solito. Poi arrivò la risposta di Sara, di nuovo una domanda.

“Complicata? In che senso?”

Era chiaro che non voleva dargli nessuna indicazione. Se la immaginava seduta davanti al pc, in attesa dei suoi chiarimenti, ma non riusciva a capire il suo stato d’animo: magari era lì che si stava sbellicando dalle risate, oppure era furiosa, o forse solo curiosa di sapere com’erano andate esattamente le cose.

“Molto complicata, sono successi un sacco di avvenimenti imprevisti. Ma perché non mi rispondi? Tu come stai?”

Ora sperava che Sara si sarebbe sbottonata un po’. Ma lei di nuovo si fece aspettare, poi passò all’attacco.

“Ti sono successi un sacco di avvenimenti imprevisti? Prova a raccontare, sono curiosa.”

Marco si sentì sollevato dalla risposta, il fatto che fosse curiosa ero lo stato d’animo migliore per cercare di darle una spiegazione.

“Mia moglie è stata investita, non è grave, è già a casa, ma è ingessata.”

Ora almeno Sara sapeva perché era dovuto andare via di fretta. Certo non sapeva ancora tutto il resto, ma era un inizio. L’argomento moglie era stato quasi sempre un tabù tra di loro, lei non domandava e Marco non ne parlava, solo qualche accenno qua e là; certo Sara era consapevole della presenza della moglie, ma in fondo il rapporto con Marco, fino al momento del bacio, era stato solo un rapporto epistolare, profondo e intenso, ma non si era mai andati oltre.
La risposta di Sara questa volta si fece attendere un po’ di più, un tempo che a Marco sembrò un’eternità. Poi arrivò come un fulmine a ciel sereno.

“Un bel contrattempo, ti sarà dispiaciuto dover andar via in quel modo. Ne vogliamo parlare, o continuiamo a far finta di niente?”

Marco rimase sorpreso dal cambio di registro di Sara, tanto che non sapeva cosa rispondere. Non era preparato a questa eventualità perciò ci mise qualche minuto a raccogliere le idee per decidere cosa scrivere. E mentre era lì che ci pensava, arrivò un altro messaggio di Sara.

“Ne parleremo un’altra volta, ora ho da fare. E poi di balle ne ho sentite abbastanza.”

Marco non fece neppure in tempo a pensare una risposta, perché Anna si era svegliata e lo stava chiamando dall’altra stanza. Ma ebbe un rigurgito d’orgoglio e, prima di andare, rispose di getto a Sara.

“Dimmi una sola volta in cui ti ho mentito.”

Continua…

Standard

17 risposte a "La storia di noi due #33"

  1. Devo ammettere che ammiro molto Sara. Sa come farsi rispettare e, da donna, non posso che darle ragione. E’ in gamba e dà del filo da torcere a Marco, che, per quanto buono e caro, se lo merita. Sto racconto si fa sempre più appassionante 😍

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: La storia di noi due #34 | Centoquarantadue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...