Racconti a puntate

La storia di noi due #36

Qui trovi tutti gli episodi

Erano passati alcuni giorni in cui Sara non aveva più acceso il computer. Niente blog, niente più Pasquino. Anzi, niente più Marco. Non ne aveva proprio voglia, anche se, a essere sincera, doveva ammettere che non aveva smesso di pensarci. Il lavoro, le amiche, il solito tran tran quotidiano, l’avevano tenuta occupata, ma il pensiero era comunque finito sempre lì, inutile negarlo. Aveva continuato a ripensare a tutto quello che era successo, fin dall’inizio, alle tante cose dette ma forse, soprattutto, a quelle non dette.

Le mancava Marco, le mancava da star male, e questo le faceva ancora più rabbia. Perché gli aveva permesso di impadronirsi così dei suoi pensieri? E la sera, prima di dormire, le tornava in mente quel bacio, come se non ce ne fossero stati altri nella sua vita.
Non era certo la prima volta che aveva baciato un uomo, eppure quel bacio le aveva procurato una sensazione che non aveva mai provato prima, un senso di totale appartenenza che, al solo pensiero, riusciva a procurarle ancora un piacere intenso. Era come se le loro anime si fossero sfiorate attraverso le labbra.
Si guardò nello specchio dell’armadio che rifletteva il suo corpo sdraiato sul letto, e per un attimo immaginò Marco al suo fianco. Poi pensò ad Alice e alle risate che si sarebbe fatta se avesse letto i suoi pensieri. E si sentì un’idiota.
L’unica cosa da fare era chiudere definitivamente questa storia e l’unico modo per farlo era scrivere a Marco un’ultima mail.
Sara si alzò, incurante delle tende aperte e del fatto che indossasse solo la biancheria intima. Chissenefrega, per una volta avrebbe fatto contento il vicino guardone. Andò alla scrivania, accese il computer e aprì la posta. Solo allora si accorse della mail di Marco: era lì da una settimana.
Si affrettò ad aprirla e a leggerla, e quando ebbe finito di scorrere avidamente tutto quello che le aveva scritto, provò un’insolita felicità, che per un attimo le fece dimenticare i propositi con cui aveva aperto la posta.
E adesso? Come avrebbe fatto a chiudere, dopo quello che le aveva scritto? Era stato sincero, si capiva dal tono delle sue parole, le aveva parlato per la prima volta col cuore in mano.
Così Sara decise che avrebbe fatto la stessa cosa.

Continua…

Standard

13 risposte a "La storia di noi due #36"

  1. Pingback: La storia di noi due #37 | Centoquarantadue

  2. Pingback: La storia di noi due #35 | Centoquarantadue

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...